RCS: L’incredibile Sagan

Il Campione del Mondo vince di forza la terza tappa.
Dennis terzo corridore della BMC Racing Team in Maglia Azzurra

Montalto di Castro, 10 Marzo 2017 – Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) ha battuto alla sua maniera in uno sprint tutt’altro che scontato Elia Viviani (Team Sky). L’arrivo per velocisti, ma tecnico e in leggera salita, ha esaltato le doti del due volte Campione del Mondo. Rohan Dennis diventa il terzo corridore della BMC Racing Team ad indossare la Maglia Azzurra NamedSport.DATI MONITORATI OGGI
I dati forniti da Velon raccontano la tappa attraverso dati dispositivi per il monitoraggio in tempo reale. I dati sono disponibili a questo link.

DOWNLOAD

RISULTATO FINALE
1 – Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) – 204 km in 4h51’59”, media 41,920 km/h
2 – Elia Viviani (Team Sky) s.t.
3 – Jurgen Roelandts (Lotto Soudal) s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1 – Rohan Dennis (BMC Racing Team)
2 – Greg Van Avermaet (BMC Racing Team) s.t
3 – Damiano Caruso (BMC Racing Team) s.t.

MAGLIE

  • Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da NamedSport – Rohan Dennis (BMC Racing Team)
  • Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da FSA – Peter Sagan (Bora-Hansgrohe)
  • Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Snello Rovagnati – Davide Ballerini (Androni Giocattoli)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Selle Italia – Bob Jungels (Quick-Step Floors)

CONFERENZA STAMPA
Il vincitore di tappa Peter Sagan, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Oggi La volata è andata bene. Mi ricordavo che il finale era uguale a quello dell’anno scorso, quando mi ero trovato davanti troppo presto. Questa volta sapevo sarebbe stato meglio aspettare e stare coperto il più possibile prima di partire. Ho fatto così e ho vinto! C’era vento laterale e quando ho visto che non c’era nessuno a ruota di Elia Viviani, ho capito che dovevo essere io a muovermi e prendergli la ruota. Elia [Viviani] ha corso come ho fatto io l’anno scorso, era troppo presto davanti considerando che gli ultimi 250 metri in leggera salita. Sono felice di questa vittoria alla Tirreno-Adriatico. L’anno scorso mi è mancato vincere qui, ma poi ho vinto il Giro delle Fiandre. Non sono importanti solo le vittorie o i piazzamenti: sono importanti le sensazioni”.

La Maglia Azzurra Rohan Dennis, ha dichiarato: “Non ho visto bene la dinamica caduta, non so cosa sia successo, ero dietro quando tutti hanno iniziato a frenare. Sono riuscito a rimanere in piedi mentre altri corridori sono caduti: ecco perché adesso sono io a vestire la Maglia Azzurra e non Greg. È un peccato che sia caduto, ma sono cose che fanno parte del ciclismo. L’importante è che non si sia fatto male. Sono venuto alla Tirreno-Adriatico per prepararmi in vista del Giro d’Italia e abituarmi al tipo di percorsi che dovrò affrontare a maggio. La cronometro finale si adatta bene alle mie caratteristiche. Tejay [van Garderen] è il nostro leader principale, io sono la sua riserva”.

STATISTICHE
Rohan Dennis è il primo australiano ad indossare la maglia di leader alla Tirreno-Adriatico dal 2012, quando Matt Goss fu in testa dalla 1^ alla 3^ tappa. Il primo leader australiano alla Tirreno-Adriatico è stato Phil Anderson, l’11 marzo 1988 a Bacoli.

Sesta vittoria di tappa per Peter Sagan alla Tirreno-Adriatico.

Primo podio di tappa (a 31 anni) per Jurgen Roelandts alla Tirreno.

LA TAPPA DI DOMANI
Tappa 4 – Montalto di Castro – Terminillo 187 km

Ritrovo di partenza: Piazzale Guglielmi, Montalto di Castro
Foglio Firma: 9.35 – 10.55
Incolonnamento: 11.00
Partenza – KM 0: 11.05 (trasferimento 1.500m)
Arrivo: Piazzale Campoforogna, Terminillo – 16.15 circa
Quartiertappa: Palazzo del Turismo, Via dei Villini 33/35, Loc. Pian De’ Valli

Percorso
È la tappa più dura con arrivo in salita. Si attraversa la provincia di Viterbo toccando oltre al capoluogo anche Tuscania e Vignanello (con il GPM di La Colonnetta sui monti Cimini). Si prosegue in falsopiano lungo la via Flaminia attraverso Narni, e Terni per risalire le Marmore e quindi attraversare la piana Reatina (breve salita a Castelfranco) fino a Vazia dove inizia la salita finale. Salita finale al Terminillo (Campoforogna) da Vazia si 16,1 km al 7,3 % (max 12%).

Ultimi km
Ultimi chilometri della tappa coincidono con la salita finale del Monte Terminillo. Si tratta di una salita con due lunghi tratti di pendenza costante attorno al 7,5-8% intervallati dal poco meno di due km al 3-4% a Pian di Rosce. Entrambe le parti in pendenza sono sostanzialmente prive di strappi particolarmente intensi, ma anche di parti di riposo. Le ultime centinaia di metri sono di pendenza inferiore rispetto al resto della salita. A Campoforogna il rettilineo misura una larghezza di 7 m ed è lungo 200 m su fondo asfaltato in salita tra il 2 e il 3%.

PUNTI D’INTERESSE
MONTALTO DI CASTRO
Montalto di Castro è il comune più a nord della Regione Laziale, è il primo comune italiano per energia prodotta con il fotovoltaico, un primato virtuoso dovuto alla presenza della centrale termoelettrica Alessandro Volta, la terza più importante al mondo e la seconda d’Europa in termini di megawatt prodotti. L’economia moderna e l’affascinante paesaggio non escludono anche un’affascinante storia che nel comune Montaldo di Castro, situato nella maremma laziale in provincia di Viterbo, è visibile in particolar modo nel sito archeologico dell’antica città etrusca di Vulci. La città etrusca, circondata da antiche necropoli, vanta tra le altre cose anche il castello dell’Abbadia che ospita un museo archeologico dove si possono vedere ricchi corredi ritrovati nelle tombe adiacenti. Il sito archeologico testimonia la grande importanza che ebbe Vulci in epoca Etrusca. Presenti anche monumenti storici rilevanti come l’imponente “ponte del Diavolo” costruito a 20 metri di altezza sopra il fiume Fiora, situato di fronte al Castello medievale dell’Abbadia.

TERMINILLO
Il Monte Terminillo, nota località turistica invernale tale da essere spesso soprannominata la “Montagna dei Romani” è un massiccio della provincia di Rieti. Il massiccio ospita due stazioni sciistiche, la più famosa delle quali dove sorge appunto la località di Terminillo, nel versante meridionale. Sempre restando nell’ambito sportivo sono numerosi i sentieri del CAI, praticabili tanto d’inverno, muniti di “racchette” e attrezzatura specifica, quanto d’estate quando va in scena la “Sky race”, gara di corsa montana lungo i sentieri del CAI. Spazio anche per gli appassionati di motori e velocità con la tradizionale cronoscalata automobilistica organizzata dall’ACI di Rieti, che si svolge dalla metà degli anni ’60. Nell’edizione 2017 della Tirreno-Adriatico NamedSport ospiterà l’arrivo della tappa più dura e impegnativa della competizione.

COPERTURA TV
Giunta nel 2017 alla sua 52^ edizione, la Tirreno-Adriatico NamedSport godrà di una distribuzione televisiva in 184 diversi Paesi del mondo, in tutti e cinque i continenti, attraverso 13 differenti network.
Rai, host broadcaster dell’evento, garantirà la produzione di tre ore di corsa in diretta per ogni tappa (due ore e mezza per la prima tappa), che verranno trasmesse nel territorio italiano su Rai Sport + HD e, per la fase culminante di ogni tappa, anche su Rai 3 (quarta tappa su Rai 2).
Eurosport diffonderà live “La Corsa dei Due Mari” in 16 Paesi della regione Asia e Pacifico, nonché in tutto il Vecchio Continente, ad eccezione della Francia in cui la copertura sarà garantita in esclusiva da L’Equipe. Tornando al Pacifico, altre due esclusive saranno garantite agli appassionati giapponesi, che potranno accedere alla diretta su DAZN, e a quelli neozelandesi che seguiranno le fasi salienti della corsa su Sky Sports.
Il network OSN detiene i diritti per tutti i territori della regione Medio Oriente e Nord Africa, mentre più a sud l’emittente Kwese Sport coprirà l’intera Africa Subsahariana ad eccezione del Sudafrica, in cui la corsa sarà trasmessa in diretta da Supersport.
La Tirreno-Adriatico NamedSport potrà essere seguita in diretta nelle Americhe grazie alla programmazione offerta da Fubo.TV in USA e Canada, da TDN in Messico e America Centrale e dal network ESPN in tutto il Sudamerica e nei Caraibi.
Immagini della gara verranno altresì distribuite in tutto il mondo attraverso la piattaforma SNTV – Sports News Television.

LIVE TWEET
Ogni giorno potete seguire la Tirreno-Adriatico NamedSport grazie a un live tweet, con tutti gli aggiornamenti della tappa in corsa, dal profilo twitter ufficiale @TirrenAdriatico – L’hashtag per commentare in diretta con noi è #Tirreno

Foto Credit: LaPresse – D’Alberto / Ferrari

SHIFT Active Media
Dario Esposito

RCS Sport
Stefano Diciatteo

Lascia un commento